Sanzioni e Costi della Voluntary Disclosure bis

Gli elementi che incidono sui costi

I clienti che arrivano nel nostro studio, spesso sono molto confusi, non riescono a capire quanto tra tasse, imposte, sanzioni e interessi dovrebbero effettivamente pagare nel caso aderissero alla Voluntary Disclosure bis.

Alcuni di loro hanno cercato un orientamento attraverso la rete, ma il più delle volte le spiegazioni assomigliano a trattati di economia con un linguaggio tecnico, sfoggio di competenza per chi scrive ma incomprensibile a chi legge; altri si rivolgono al proprio commercialista senza avere risposte esaurienti.

Il mio obiettivo invece è quello di fornire, per quanto possibile, in modo chiaro e semplice tutte le informazioni indispensabili per non commettere errori.

Le domande più frequenti sono: quanto costa la Collaborazione Volontaria? Può indicarmi un esempio pratico?

Voluntary Disclosure costi

Cosa considerare nel calcolo

Tra le cose da considerare per avere una stima dei costi della Voluntary Disclosure bis vi sono:

  • Luogo – La nazione in cui si trovano i capitali posseduti e le attività oggetto di emersione (white list o black list).
  • Durata – Da quanto tempo sono detenuti e quindi i vari periodi di imposta.
  • Tipologia – Qual è la composizione dei capitali e di che tipo di evasione parliamo.

Nel caso della Svizzera, dopo l’accordo con l’Italia sullo scambio automatico d’informazioni (scarica il documento), lo stato elvetico è considerato paese White List con i relativi benefici per chi decidesse di regolarizzare la sua posizione fiscale. Intanto i periodi accertabili da 10 passano a 5, quindi aderire alla VD permette il pagamento delle imposte sostitutive e delle corrispondenti sanzioni in misura ridotta, come anche le sanzioni per omessa o incompleta compilazione del quadro RW.

I periodi accertabili da 8 passano a 4, per quanto riguarda la dichiarazione infedele, caso del contribuente che ha sbagliato volutamente la dichiarazione dei redditi.

Mentre da 10 a 5 anni per reati dovuti a omessa dichiarazione, cioè la dichiarazione non è stata proprio presentata.

Il rientro dei capitali quindi, permette il pagamento delle imposte sostitutive e delle corrispondenti sanzioni in misura ridotta. (Ma il calcolo della Voluntary Disclosure non è semplice).

Per valutare l’effettiva convenienza dell’adesione alla Voluntary Disclosure, bisogna innanzitutto fare una importante distinzione tra chi si avvarrà della Procedura alleggerita (forfettaria), valida per i patrimoni fino a 2 milioni di euro, che di fatto forfettizza sia il reddito e la relativa tassazione, e tutti coloro che non trovano conveniente aderire o non possono avvalersi della procedura alleggerita in quanto il loro patrimonio supera il limite stabilito.

Onorari dei professionisti

I professionisti esperti in rientro dei capitali raccomandati dalle banche svizzere sono interessati a rappresentare clienti che hanno conti che superano i 2 milioni di assets.

Per scrivere la Voluntary Disclosure bis, i professionisti chiedono dal 2% fino al 5% degli assets. Dipende dalla attività e dai movimenti del conto specifico.

Anche noi abbiamo interesse e seguiamo clienti con molti milioni, ma serviamo – con la stessa attenzione – anche il cliente che ha solamente EUR 100.000.

Per conti fino a 2 milioni di EUR di valore i nostri servizi fatti a Zurigo costano dai 5.000 ai 25.000 EUR.

E’ ovvio che l’onorario dipende dalle attività svolte, dagli apporti in contanti, dalla complessità dei calcoli per investimenti sofisticati come hedge funds e prodotti strutturati.

Il grande vantaggio nell’affidarti a noi che abbiamo lo studio in Svizzera è che il nostro onorario sarà addebitato direttamente dal tuo conto qui in Svizzera.

Dal momento che avrai firmato il mandato, non ti devi più occupare di niente. Penseremo noi a interagire con la banca svizzera e a raccogliere la documentazione neccessaria per la VD.

Comunicheremo con la tua banca e sbloccheremo il tuo conto. Se poi vorrai rimpatriare i tuoi averi in Italia dopo esserti regolarizzato possiamo proporti una banca italiana con ottimo rating che si è dichiarata disposta a pagare i costi della Voluntary Disclosure bis.

Importante! Se dai il mandato a noi, risparmi il 22% di IVA. Il commercialista in Italia non solo ti fattura la sua parcella, ma è costretto ad fatturarti anche il 22% di IVA per le sue prestazioni.

Essendo uno studio domiciliato a Zurigo, i nostri servizi per la VD Bis sono considerati servizi esportati fuori dalla Svizzera e senza aggiunta del 22% di IVA. Se lavori con noi, risparmi subito il 22% di IVA.

Le sanzioni

SANZIONI PER LE IMPOSTE DIRETTE
ViolazioneSanzione baseSanzione ridotta di 1/4
Infedele dichiarazioneRedditi prodotti in Italia100%75%
(12,5% e 25%)
Redditi prodotti all’estero
(e le attività estere sono detenute in Paesi White list o Paesi Black list con accordo)
133,33%100%
(16,67% e 33,33%)
Presunzione di redditività per attività estere detenute in Paesi Black list a prescindere da dove sia stato prodotto il reddito (2)200%
(133,3% fino al 2007)
150%
(25% e 50%)
Omessa dichiarazioneRedditi prodotti in Italia120%90%
(15% e 30%)
Redditi prodotti all’estero (e le attività estere sono detenute in Paesi White list o Paesi Black list con accordo)160%120%
(20% e 40%)
Presunzione di redditività per attività estere detenute in Paesi Black list a prescindere da dove sia stato prodotto il reddito (2)240%180%
(30% e 60%)
(1) Secondo la C.M. 10/E/2015 in presenza di istituti definitori (inviti a comparire o accertamento con adesione) non sono applicabili le disposizioni in materia di cumulo giuridico stante la preclusione dell’art. 12, co. 8, D.Lgs. 472/1997. Pertanto il cumulo si applica limitatamente a ciascun tributo e per ciascun periodo d’imposta (C.M. 16.2.2009, n. 4/E).

(2) La misura delle sanzioni è raddoppiata in presenza di attività estere (C.M. 19.2.2015, n. 6/E) limitatamente alle violazioni commesse dopo l’1.7.2009 (data di entrata in vigore del D.L. 78/2009).

(3) Le misure indicate in questa colonna vanno ulteriormente ridotte a 1/6 (se il pagamento avviene aderendo a quanto richiesto in occasione dell’invito al contraddittorio) o a 1/3 (se il pagamento avviene in adesione con l’Ufficio). Tra parentesi, nella colonna sono riportate le sanzioni ridotte.

SANZIONI PER LE ALTRE IMPOSTE
ImpostaSanzione base in caso di infedele dichiarazioneRiduzione di 1/4 in presenza di VD Sanzione base in caso di omessa dichiarazioneRiduzione di 1/4 in presenza di Voluntary Disclosure
Irap100%75%
(12,5% e 25%)
120%90%
(15% e 30%)
Iva100%75%
(12,5% e 25%)
120%90%
(15% e 30%)
Ivie100%100%
(non si applica la riduzione)
(16,67% e 33,33%)
120%120%
(non si applica la riduzione)
(20% e 40%)
Ivafe100%100%
(non si applica la riduzione)(16,67% e 33,33%)
120%120%
(non si applica la riduzione)
(20% e 40%)
Imposta sulle successioni100%100%
(non si applica la riduzione)
(16,67% e 33,33%)
120%120%
(non si applica la riduzione)
(20% e 40%)
(1) Le misure indicate in questa colonna vanno ulteriormente ridotte a 1/6 (se il pagamento avviene in conseguenza dell’invito al contraddittorio) o a 1/3 (se il pagamento avviene in adesione).

Tra parentesi, nell’ultima colonna, sono riportate le sanzioni ridotte.

  • Chiediamo noi i documenti alla banca per te per ottenerli nel più breve tempo possibile

  • Eviterai di essere segnalato in Italia

  • In caso di conto bancario bloccato, ti sblocchiamo il conto immediatamente dopo l’invio telematico

  • Risparmi il 22% di IVA sull’onorario

  • Facciamo il calcolo analitico al costo del forfetario. Otterrai un doppio risparmio, sia sull’onorario, sia sui costi della Voluntary Disclosure

  • Massima protezione e totale sicurezza

Chiama ora senza impegno

Share